Perché lasciare il partner che si ama? Cosa c’è dietro questo apparente paradosso in cui ci imbattiamo spesso, lavorando con le coppie in crisi?

Nonostante sia doloroso e faticoso, nonostante l’amore sia vivo ed intenso, sono molte le coppie che si lasciano. Perché? Perché l’amore non basta, per stare insieme.

Non può bastare solo un forte legame sentimentale se la relazione è fortemente disturbata dai meccanismi di difesa caratteriale, che generano interminabili litigi per cause oggettivamente futili, attivando però, continuamente, le più profonde ferite del passato. Si tratta di una dinamica in grado di soffocare anche il più ardente amore.

Ognuno di noi ha i propri punti deboli che noi chiamiamo le “ferite dell’infanzia”, e nessuno desidera che affiorino. Nelle relazioni sentimentali, soprattutto quando c’è convivenza, lo stare vicini, l’intimità e l’alto l’interesse, in assenza di consapevolezza, generano puntualmente una serie di aspettative di benessere destinate inesorabilmente ad essere disattese, e questo costituisce un continuo attivare delle ferite personali, con conseguente innesco per le reazioni di difesa caratteriale.

Spesso e è proprio il comportamento partner a toccare quelle ferite profonde. E non abbiamo modo di uscire da questa condizione di malessere relazionale se prima non riusciamo a trovare la consapevolezza che l’altro è solo un “attivatore” e che la sofferenza che sentiamo non è veramente originata da lui. Quel che sentiremo è solo il dolore che il partner  ci causa nell’anima e per questo motivo, in assenza di soluzioni, sceglieremo di rompere la relazione per porre fine alla sofferenza. Senza un percorso per conoscere i propri meccanismi difensivi e le proprie ferite dell’infanzia, questo atto terminale non è risolutivo. Non solo si rischia di chiudere una storia d’amore che invece aveva ottime possibilità di durare e crescere, ma il problema che si trova a monte non viene risolto, e dunque andrà a ripresentarsi nella relazione successiva.

La rottura della relazione in questi casi ha le caratteristiche di una fuga per assenza di strumenti risolutivi della crisi.

Spesso le coppie in crisi che si rivolgono a noi, insistono sul riferirci i dettagli dei loro più frequenti litigi, ma non riescono ad entrare in profondità e osservare la natura del vero problema e cioè quali sono le aspettative deluse, quali le ferite che toccate e quali i bisogni disattesi.

Quando le nostre difese caratteriali sono sempre attivate, è come se stessimo in uno stato di allarme perenne, con le facoltà razionali inibite, con i sentimenti che non vengono espressi e percepiti, con i corpi e le anime irrigiditi e pronti a combattere, più che a stare in relazione. Ecco che l’amore non basta, perché da solo non riesce a disattivare questo allarme.

Quando i meccanismi di difesa sovrastano l’amore, il conflitto diviene predominante rispetto all’espressione dei sentimenti d’amore.

Ci si lamenta delle “irrazionali” e taglienti parole che vengono gettate l’uno sull’altro nel momento dei litigi, ci si attacca alla parole: “lui ha detto… lei ha fatto, allora lui ha risposto…”, ma tutto ciò è soltanto lo sfogo di una reazione, che peggiora la crisi e crea allontanamento.

Le parole che si dicono quando le difese caratteriali sono attivate  non rappresentano quasi mai l’espressione dei veri sentimenti, ma solo il desiderio di non soffrire, l’attacco preventivo per non essere feriti, il bisogno di vincere la battaglia verbale, tutti elementi che deformano ed esagerano il vero “sentire”. Si tratta di attimi irrazionali e non consapevoli.

Lo stato di lotta e di conflitto non migliora rimanendo sul piano della lotta, perché è un livello da cui non si arriva ad alcuna soluzione. Il piano del conflitto è quello in cui si infliggono ferite sempre più dolorose.

Per trovare le soluzioni è necessario agire per  uscire dal livello conflittuale, ritrovare equilibrio e centratura, scendere su un piano più profondo, osservare le proprie ferite e propri bisogni, quindi comunicarli al partner. A quel punto si è pronti per trovare soluzioni insieme. In molti casi la soluzione emerge con grande semplicità, una volta che i partner riescono a compiere questi passi fondamentali.

Una discussione che non viene risolta, invece, deriva dall’incapacità di uno o entrambi i partner di riconoscere le proprie ferite, di disattivare la propria difesa caratteriale e di comunicare all’altro il bisogno sottostante.

Tutto questo può essere risolto con un aiuto esterno che permette di cambiare la prospettiva di osservazione e di riuscire a disidentificarsi dai propri meccanismi. A quel punto sarà possibile comunicare in modo efficace, trovare accordi e ritrovare il piacere di stare insieme.

Il nostro metodo di intervento, che usiamo sia nelle sessioni di consulenza per le coppie  che nei corsi, è basato sull’approccio corporeo e sulle più efficaci metodiche di counseling e coaching relazionale. Nel corso degli anni abbiamo aiutato tante coppie ad uscire dalla crisi e amarsi di nuovo nell’armonia e nel piacere reciproco, abbiamo aiutato anche alcune relazioni a chiudersi in serenità e consapevolezza, laddove, una volta disattivate le difese caratteriali, il sentimento e la voglia di stare insieme non erano più tali da andare avanti.

Chiamarci o partecipa ad uno dei prossimi corsi in calendario.

 


Se quanto scritto ti incuriosisce puoi contattarci per qualsiasi approfondimento o informazione.
Ti ricordiamo che puoi consultare il Calendario di tutti i nostri eventi e, dalla stessa pagina, iscriverti direttamente.

Interagiamo volentieri anche su tutti i Canali Social che trovi qui a fianco. Se poi vuoi ricevere notizia dei nostri articoli più importanti e degli eventi che realizziamo nel corso dell’anno allora ti invitiamo a lasciarci il tuo indirizzo e-mail nella form qua sotto.

.Se ti è piaciuto questi articolo, allora potrebbe interessarti anche il prossimo corso del programma di crescita personale e cura della relazione “Tantra & Amore” 

OPPURE PARLANE DIRETTAMENTE CON NOI:

Gloria di Capua (328 3083753) e Maurizio Lambardi (347 5918384)
(Counselors-Life Coaches e Costellatori Familiari)

VI ASPETTIAMO CON GIOIA!

 

Se vuoi approfondire questi argomenti puoi seguire i nostri corsi, contattaci:

.

    Nome (richiesto)

    Email (richiesto)

    Telefono (richiesto)

    Oggetto

    Messaggio

    Voglio rimanere aggiornato con le iniziative iscrivendomi alla newsletter

    0 commenti

    Lascia un Commento

    Vuoi partecipare alla discussione?
    Sentitevi liberi di contribuire!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *