Sapete qual è uno dei motivi principali della nostra sofferenza? La risposta potrebbe sorprendervi.

Provate ad andare ad un parco giochi e osservate i bambini giocare, completamente ignari di ciò che gli altri stanno pensando di loro. Sono spontanei, si mostrano nella loro vera natura. Nel divenire adulti, la paura di essere giudicati e di non conformarsi alle aspettative di amici, genitori o insegnanti (e quindi essere rifiutati), genera pensieri come:

“Che cosa pensano di me?”
“Cosa pensano di quello che sto facendo in questo momento?”
“Che cosa pensano di quello che sto indossando?”
“Che cosa pensano di quello che sto dicendo? “

Col tempo, se sentiamo un giudizio ripetuto, finiamo col credere a quel giudizio e ad identificarci con ciò che le persone ci dicono di noi:

“Le persone mi vedono e mi dicono come sono, quindi io sono così.”

A cui si aggiungono degli ordini:

“Devo essere una persona carina perché vogliono che io sia carino, devo essere intelligente perché  mi vogliono intelligente, devo essere divertente perché la gente vuole ridere alle mie battute”

Ed il premio, per questi sforzi è: “essere amato, accettato e ben voluto dagli altri.”

Portando attenzione a quello che gli altri pensano di noi, ci alieniamo da noi stessi, dal nostro vero sé e ci adeguiamo alle loro aspettative, e questa proiezione diventa la nostra realtà.

Diventiamo il risultato dei desideri degli altri e sviluppiamo un falso senso di sé. Un percorso di crescita personale non può prescindere dalla ricerca della propria vera natura, dal cercare di ascoltarsi e sentirsi per capire se quello che sappiamo di noi stessi ci appartiene davvero o ci è estraneo.

Siamo persone in continua evoluzione, la nostra vita è  mutamento e l’unica costante della nostra esistenza è proprio il cambiamento.

I nostri gusti musicali, il genere di libri che vogliamo leggere, il tipo di amici che desideriamo frequentare, il modo di vestire… nulla è stabile nel tempo e tutto si evolve, insieme a noi, ai nostri pensieri e alle nostre convinzioni. Affermare “sono fatto così” non ha molto senso, in ogni istante siamo un po’ diversi, quindi si dovrebbe iniziare a dire: “In questo momento, sono così”.

Ma che succede quando ci aggrappiamo strettamente al falso senso di sé generato dagli altri? Soffriamo!!

Soffriamo proprio perché siamo “costretti” ad allontanarci dalla nostra vera natura per essere quello che gli altri vogliono. Soffriamo perché non riusciamo più a contattare i nostri veri bisogni e desideri. Soffriamo perché quando non ci piace l’identità che gli altri hanno scelto per noi, ci poniamo come dipendenti dal giudizio, dall’approvazione e dal compiacimento degli altri. Ma piacere a tutti è impossibile, ci sarà sempre qualcuno che ci disapproverà e la nostra autostima ne risentirà. È una schiavitù, oltre che una fonte di frustrazione e dispiacere costante.

La libertà inizia quando iniziamo a pensare che non dobbiamo piacere a tutti, che  non è necessario essere amati da tutti e che va bene così.

Liberandoci dall’identificazione con l’etichetta che gli altri hanno posto su di noi, possiamo essere liberi di scoprire chi siamo davvero e quindi di essere noi stessi. Possiamo essere liberi da giudizi, approvazioni e considerazioni esterne e vivere la nostra vita. Fare ciò che sentiamo e desideriamo per noi stessi e per il nostro benessere. Questo genera la felicità e la soddisfazione.

Il cambiamento è possibile e dipende da noi. Può essere semplice come cambiare un abito che non vogliamo indossare più. A piccoli passi possiamo allontanarci dall’approvazione o dalla disapprovazione di coloro che sono intorno a noi. I piccoli cambiamenti si sommeranno e faranno la differenza nella nostra vita.

Forse la prossima auto che compriamo sarà quello che noi vogliamo e ci piace, e non quella che piacerà al nostro partner; forse la prossima vacanza sarà in quel luogo tanto sognato e sarà quello che veramente vogliamo, anche se non piace ai nostri genitori; forse la prossima casa in cui vivremo si baserà su quello che vogliamo e non quello che gli altri pensano sia giusto per noi…

Vivere aderenti a questa verità personale, presuppone che ci poniamo alcune domande magiche, cercando le risposte dentro di noi:

“Cosa desidero e voglio per me in questo momento? Perché mi limito nel seguire ciò che desidero? Cosa me lo impedisce?”

Possiamo essere quello che vogliamo essere, abbiamo diritto di seguire i nostri desideri più intimi e di ottenere ciò che ci piace.

Possiamo essere artefici e registi della nostra felicità se lo vogliamo, se prima di tutto ci liberiamo dal giudizio e dall’approvazione degli altri. Abbiamo diritto ad essere felici, se lo vogliamo!


Il percorso “Tantra & Amore”, attraverso i suoi corsi ed eventi esperienziali, è studiato appositamente per fornire concreti strumenti di crescita personale all’individuo e alla coppia, per guardare le criticità con occhi diversi e superarle insieme.

Se quanto scritto ti incuriosisce puoi contattarci per qualsiasi approfondimento o informazione.
Ti ricordiamo che puoi consultare il Calendario di tutti i nostri eventi e, dalla stessa pagina, iscriverti direttamente.

Interagiamo volentieri anche su tutti i canali social.

Se poi vuoi ricevere notizia dei nostri articoli più importanti e degli eventi che realizziamo nel corso dell’anno allora ti invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter nel form sottostante.

tantra & amore

 

Vuoi scoprire il nostro Programma Tantra & Amore?
Compila il form qui sotto!

    Voglio rimanere aggiornato con le iniziative iscrivendomi alla newsletter

    0 commenti

    Lascia un Commento

    Vuoi partecipare alla discussione?
    Sentitevi liberi di contribuire!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *