Le conseguenze delle restrizioni per il Covid stanno facendo sentire i loro effetti sui vari piani dell’esistenza.

Il Centro Studi del Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi in collaborazione con l’Istituto Piepoli stanno monitorando i livelli di stress della popolazione italiana dall’ottobre 2019. In una delle più recenti rilevazioni sono emersi dati inquietanti:
– il 39% segnala un livello di stress tra 80 e 10 su 100, con un indice generale che si attesta a 62.

 

I motivi che generano questa tensione sono:

– per il 40% è l’emergenza coronavirus (dato in netto calo)
– per il 31% è la condizione economica e lavorativa (dato in aumento)
– per il 21% sono le relazioni, sia in famiglia, che col partner o con i colleghi (dato in aumento).

 

Le relazioni, dunque, sono al terzo posto come causa dell’aumento di stress, subito dopo la preoccupazione per la situazione economica e lavorativa. Il virus in sé ci fa meno paura, ma sta pesando sempre di più sulla qualità della nostra vita, perché ci toglie benessere economico, progettualità sul futuro e soprattutto restringe la nostra dimensione relazionale, disabituandoci all’interazione “in presenza” con l’altro. Ed è un problema molto serio perché siamo esseri relazionali, la nostra vita è fatta di relazioni e le relazioni ci tengono vitali.

Più colpite le donne e i giovani, ma nessuna categoria ne risulta immune.
È proprio in questo momento che occorre impegnarsi per riscattare le relazioni come aspetto essenziale della salute e del benessere, prima che lo squilibrio corpo-anima che è stato generato si cronicizzi ed influisca in modo troppo pesante sul nostro benessere.

 

 

 

 

Se quanto scritto ti incuriosisce puoi contattarci per qualsiasi approfondimento o informazione.

 

    Voglio rimanere aggiornato con le iniziative iscrivendomi alla newsletter


    OPPURE PARLANE DIRETTAMENTE CON NOI:

    Gloria di Capua (328 3083753) e Maurizio Lambardi (347 5918384)
    (Counselors, Life Coaches e Costellatori Familiari)

    TI ASPETTIAMO CON GIOIA!


    Se poi vuoi ricevere notizia dei nostri articoli più importanti e degli eventi che realizziamo nel corso dell’anno, ti invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter.

    0 commenti

    Lascia un Commento

    Vuoi partecipare alla discussione?
    Sentitevi liberi di contribuire!

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *