, , , ,

Il massaggio tantrico

massaggio tantrico
Spesso ci viene chiesto: “Fate i massaggi tantrici”?; “Insegnate il massaggio tantrico”?
Vale la pena rispondere anche pubblicamente a questo quesito.
Il percorso di crescita personale e benessere relazionale “Tantra & Amore”, include seminari più avanzati in cui la materia in questione è trattata come passo per osservare la presenza e far emergere le resistenze del sistema difensivo, come qualsiasi pratica che preveda intimità.
Ci sono, però, delle precisazioni da effettuare.
  • Premesso che il massaggio tantrico diffuso oggi è prevalentemente una pratica nata negli anni ’70 fondendo elementi di yoga, bioenergetica e terapia sessuale e mirata alla liberazione dalle inibizioni sessuali;
  • premesso che molte strutture offrono prestazioni al limite dell’eros dietro compenso, a cui danno il nome di “massaggio tantrico” e non è questo il nostro caso;
  • premesso che pur potendo essere certi che il “tocco consapevole” e il massaggio abbiano sempre fatto parte degli insegnamenti tantrici, i dettagli di questi rituali originari sono andati perduti, e anche se fossero stati trasmessi, non avrebbero più lo stesso senso e la stessa efficacia nel contesto spazio-temporale e socio-culturale attuale;
da maestri tantrici, siamo spiacenti di informarvi che non esiste un “massaggio tantrico” in senso stretto e tradizionale.
Qualsiasi massaggio, però, può diventare “tantrico”, nella misura in cui è un “tocco consapevole“, mira alla manipolazione dei chakra, attivandoli ed armonizzandoli, lavora sull’energia, espandendola e liberandola, a beneficio di tutto l’organismo, e sulla presenza, sull’essere completamente centrati nel momento e nel rito, senza aspettative e senza intenzioni.
Con queste caratteristiche, un massaggio non solo è tantrico, ma è anche è uno strumento molto potente di crescita del sé, oltre che un veicolo di sensibilizzazione corporea e quindi di percezione estatica.
Con queste caratteristiche noi insegniamo e guidiamo i nostri praticanti nell’esecuzione di alcuni tipi di “tocco consapevole”, e lo facciamo nei corsi più avanzati, quando il percorso di liberazione di ciascuno di loro ha già superato altri step propedeutici e sono pronti per esperienze più forti.
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *