,

La fragilità

fragilità

Quante volte abbiamo sentito parlare di fragilità?

A dire il vero spesso, molto spesso.

Nell’ambito della crescita personale, del counseling, della terapia, è un termine molto utilizzato.

Sentiamo molte volte ripetere come occorra prendersi cura delle nostre fragilità, di come ci rendano unici e che possano costituire una nostra risorsa anziché un nostro handicap.

E’ tutto vero! Ma che cosa si intende quando si parla delle nostre fragilità? Da cosa sono dipendono? Come descriverle e come possiamo prendercene cura?

Intanto proviamo a capire da cosa derivano, come si strutturano dentro di noi e cosa sono.

Dal momento del nostro concepimento, da quando il nostro cuore comincia a battere nel ventre materno, riceviamo stimoli dall’ambiente in cui ci troviamo.

Si può trattare di stimoli piacevoli o, al contrario, di qualcosa che non lo è. Già in fase di sviluppo embrionale condividiamo con nostra madre sostanze nutritive ed un continuo flusso di fattori influenzanti che riflettono il suo stato di benessere: ormoni, neurotrasmettitori ecc.

Successivamente alla  nascita, che pure influisce rispetto alla nostra evoluzione psicocorporea, continuiamo a ricevere stimoli verso i quali dovremo adattarci. La qualità degli stimoli dipende dalla qualità e dalla quantità delle cure che riceviamo, dall’ambiente che ci circonda, dall’interazione con le nostre figure di accudimento ecc. ecc.

Tutto questo ci fa cambiare ed evolvere fisicamente e psicologicamente a seconda del contatto che abbiamo avuto con la realtà del mondo intorno a noi, ci rende unici, questo è poco ma sicuro!

Fisicamente, ad esempio, se ricevo poco contatto amorevole da una delle figure di accudimento, la mamma o un suo sostituto, mi dovrò abituare a quella carenza. Come lo faccio? Cercherò di diminuire la sensazione di disagio che continuamente percepisco a causa di quella carenza attraverso una modifica della mia struttura muscolo-scheletrica.  Modificherò il mio modo di respirare, di percepire il corpo, di sentire le emozioni, di pensare.

Ciascuno di noi ha avuto a che fare con qualche carenza, affettiva, fisica, emotiva, spaziale o viceversa con un eccesso delle stesse. Queste carenze oltre a modificare il corpo modificano anche i nostri pensieri ed i nostri comportamenti. Comincio a pensare: “non sono amabile”, “non sono desiderabile”, “sono brutto”, “non vado bene così come sono” , “non ho valore” e così via.

Questi pensieri sono radicati nella nostra mente e nel nostro corpo.

Quando siamo adulti ci muoviamo e ci comportiamo come se avessimo dei cartelli appesi che recitano le stesse frasi! Il che non ci porterebbe a nessun tipo di problema; questi insorgono perché ci muoviamo e ci comportiamo in modo da nascondere alla vista nostra e quella degli altri gli stessi cartelli.

Tentiamo, quasi sempre senza successo, di nascondere quelle che sono state le nostre carenze, che cosa è diventato il nostro corpo e quali siano i nostri pensieri più oscuri.

In sostanza ci affanniamo continuamente a nascondere noi stessi.

Cos’è quindi la fragilità di cui stiamo parlando? E’ ciò che spesso tentiamo di proteggere a tutti i costi: la visione realistica di noi stessi, il nostro essere fatto di pezzi mancanti perché estranei alla nostra consapevolezza psicocorporea!

Prendere coscienza di noi stessi realisticamente è un passaggio fondamentale
per la nostra crescita personale.

Ci rendiamo finalmente conto che i pezzi che ci mancano non possono essere trovati all’esterno di noi ma solo all’interno perché in realtà non ci mancano affatto, solo che non li percepiamo.

Dal mondo che ci circonda, dagli altri, dal partner, dall’amante o da chi volete voi, possiamo ricevere ciò di cui abbiamo bisogno, ma sono regali che possono darci piacere: difficilmente ci restituiscono ciò che non vediamo in noi!

Qualsiasi avvicinamento a quello che potremmo definire il nostro vero sé passa attraverso la riscoperta del nostro corpo,  l’esplorazione delle tensioni croniche che ci hanno difeso dalle carenze che abbiamo sperimentato nel corso della vita, la   riemersione dei pensieri che abbiamo in tutti i modi cercato di nascondere.

Se ci chiediamo perché mai dovremmo fare una cosa del genere, potrei rispondere che: se vogliamo che la nostra vita sia un’avventura continua anziché una tranquilla passeggiata  non abbiamo altra scelta.

Se pensate che tutto ciò possa essere troppo difficile, anziché arrendervi vi invito a fare il primo passo: cominciate a sedervi comodamente, senza appoggiare la  schiena, cominciate a respirare, a focalizzare la vostra attenzione al respiro che entra ed esce dai vostri polmoni, ai piccoli movimenti del vostro corpo mentre state respirando e siete vivi,  vi renderete conto allora che siete già in cammino.


Se questo articolo ti è piaciuto potresti essere interessato a leggere anche “Che cos’è il benessere” nel quale finalmente cerchiamo di tornare a dare un senso ad un termine ormai utilizzato per parlare di troppe cose ma anche “La croce di Riemann-Thomann” grazie al quale invece spieghiamo come il nostro carattere reagisca diversamente a seconda di chi ci sta accanto.

Se invece il tuo desiderio è quello di riportare l’allegria e la complicità nella coppia ti segnaliamo il corso “Gioco e Passione nella Relazione” che si tiene tutti gli anni nel mese di marzo a Volterra. Scopri di che cosa si tratta. Ti aspettiamo!


Il programma di crescita personale e cura della relazione “Tantra & Amore”, attraverso i suoi corsi ed eventi esperienziali, è studiato appositamente per fornire concreti strumenti di crescita personale all’individuo e alla coppia, per guardare le criticità con occhi diversi e superarle insieme.

Se quanto scritto ti incuriosisce puoi contattarci per qualsiasi approfondimento o informazione.
Ti ricordiamo che puoi consultare il Calendario di tutti i nostri eventi e, dalla stessa pagina, iscriverti direttamente.

Interagiamo volentieri anche su tutti i canali social.

Se poi vuoi ricevere notizia dei nostri articoli più importanti e degli eventi che realizziamo nel corso dell’anno allora ti invitiamo a iscriverti alla nostra newsletter.

tantra & amore

Programma Tantra & Amore

OPPURE PARLANE DIRETTAMENTE CON NOI:

Gloria di Capua (328 3083753) e Maurizio Lambardi (347 5918384)
(Counselors-Life Coaches e Costellatori Familiari)

TI ASPETTIAMO CON GIOIA!

Se vuoi approfondire questi argomenti puoi seguire i nostri corsi, contattaci:

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Messaggio

Voglio rimanere aggiornato con le iniziative iscrivendomi alla newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *