fbpx Skip to main content

In origine il primo e più importante rituale era l’iniziazione da maestro a discepolo, paragonabile ad un “sacramento” della religione cattolica, con la quale il praticante veniva “attivato” e reso idoneo alla rinascita e al percorso di illuminazione.

A seguire vi erano una serie di rituali “sconvolgenti”, con i quali il praticante era indotto a demolire i tabù ed i condizionamenti, sia sul piano corporeo che su quello emotivo e spirituale. Si avvalevano di parole, gesti e simboli di potere, ma anche di meditazione, visualizzazione e controllo del respiro, oltre che di esperienze molto corporee.

Oggi la ritualità tantrica consiste genericamente in esercizi corporei, meditativi e di respirazione consapevole per indurre il praticante ad essere consapevole di condizionamenti e tabù al fine di liberarsene. Ci si concentra sulla sessualità perché è un settore molto carico di dogmi, tabù, repressioni e inibizioni e perché ha enorme impatto sulla vitalità personale e sul benessere relazionale.

Ulteriori approfondimenti: “Orgasmo quantico”, Gloria Di Capua e Maurizio Lambardi, Anima Edizioni

Leave a Reply

WhatsApp chat