, ,

Bisogna svelare tutti i segreti al partner?

Bisogna svelare tutti i segreti al partner?
È necessario svelare sempre al partner tutti i nostri segreti più intimi? Ogni singolo dettaglio del nostro passato?
La risposta è no.
Il primo motivo è che il “sempre” ed il “mai” sono assolutizzazioni che ledono ogni tipo di rapporto perché impediscono la libera scelta e l’amore e la passione si nutrono proprio di libertà.
Il secondo motivo è che il partner non è il nostro confessore, né il nostro consolatore e neanche la discarica della nostra spazzatura emotiva. Anche se si è in relazione, profondamente innamorati, si è e si rimane due persone differenti con propria individualità, che in modo sano e maturo scelgono di darsi reciprocamente amore e crescere insieme.
Non ci riferiamo ad una sana e necessaria apertura per comunicare con chiarezza i propri rispettivi bisogni e le proprie emozioni nel presente, ma al cliché che ritiene indispensabile che in un rapporto amoroso i due partner svelino e condividano ogni singolo dettaglio del proprio passato, della propria storia amorosa, amicale, familiare e professionale. Perfino i segreti altrui di cui sono depositari.
Molto spesso, dietro al “bisogna sempre dirsi tutto”, c’è la paura di assumersi le proprie responsabilità, c’è il bambino che si relaziona con i genitori, c’è l’amore immaturo. Ecco che quel dirsi tutto mette la relazione sul piano insano, non più fra pari ma fra bambino e genitore. E questo spegne inesorabilmente la passione erotica.
Dall’altra parte, quando è il partner quello che vuole assolutamente “sapere tutto”, c’è un palese tentativo di controllare i vostri pensieri, di esercitare potere su emozioni e comportamenti, e questo è profondamente insano, oltre che uno dei maggiori nemici dell’amore (e della libertà personale).
Questo non significa che sia sano passare all’atteggiamento opposto, chiudersi in se stessi, non aprirsi mai, o respingere il partner quando vuole condividere emozioni ed aspetti importanti del suo passato.
Al partner vanno dette le cose che hanno rilevanza per entrambi e per la coppia, nel profondo rispetto delle due individualità e dell’accordo (espresso o meno che sia) su cui si fonda la relazione stessa. L’amore adulto è quello di due persone che si scelgono e continuamente cercano la giusta distanza tra il se stessi ed il noi, per farlo in libertà e consapevolezza hanno bisogno delle informazioni rilevanti, non di tutte quelle esistenti.
E poi, continuare a scoprire aspetti inediti, nel corso della vita insieme, è una fonte ulteriore di curiosità e stimoli reciproci, che aiuta entrambi a non darsi per scontati e a non cadere nella monotonia. Questo sì che è un alleato della passione e del piacere di stare insieme!
Utilizzando le tecniche del Tantra e della meditazione, ti guideremo a osservare te stesso più in profondità e ad andare oltre le convinzioni, le idee limitanti, le emozioni represse; perfezionando l’integrazione tra corpo e mente, potrai così trovare un valido aiuto per ampliare la coscienza e la possibilità di aprirti ad una piena accettazione verso te stesso, l’altro e il tutto.

Se ti è piaciuto questo articolo, allora potrebbe interessarti anche il corso “Fantasie ed espressioni del piacere (Tantra: le maschere dell’amante)” del programma di crescita personale e cura della relazione “Tantra & Amore”. Il corso si terrà dall’8 al 10 giugno 2018 a Volterra. 

Nel seminario utilizzeremo un approccio esperienziale e corporeo tipico del Tantra e I.B.C. (Integrative Body Counseling).

Non mancare!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *