, ,

Anche la sofferenza si eredita?

«Mio nonno ha combattuto nella seconda guerra mondiale. Io ho avuto un attacco di panico durante la puntata finale della mia serie televisiva preferita.» Matt Donaher

Può un trauma essere trasmesso da genitore a figlio?

È facile intuire che possa esistere una trasmissione educativa diretta più o meno consapevole e volontaria.
Chi ha sviluppato, ad esempio, una fobia nei confronti dei gatti, in conseguenza di un evento traumatico della sua vita, tende a trasmettere la stessa paura anche ai figli, perfino se si sforza di non farlo. I bambini sono infatti esperti nel leggere il linguaggio del corpo e percepire il messaggio di allarme e pericolo emesso dai genitori.

C’è molto di più.

Una serie di recenti progressi nel campo degli studi di epigenetica ci ha fatto scoprire che in risposta ad influenze ambientali, come gravi traumi e stress, avvengono modifiche nel nostro DNA. Nello specifico si altera il microRna, molecole genetiche che regolano il funzionamento di cellule, organi e tessuti. L’alterazione, attraverso il rivestimento chimico dei cromosomi, viene trasmessa alle generazioni successive.
Questa memoria cellulare rende la discendenza programmata ad esprimere risposte cognitive ed emotive specifiche, quindi iper sensibili ed iper reattive, in situazioni che richiamano il trauma vissuto dai progenitori. È stato anche dimostrato che i figli di sopravvissuti a grandi traumi, che soffrono di disturbo da stress post traumatico, hanno una secrezione di cortisolo alterata. Quindi sono predisposti a risposte emotive potenziate allo stress.
Sappiamo già che nei topi gli effetti dello stress psicologico vengono ereditati per alcune generazioni, in modo sorprendentemente specifico: il percorso contenente il punto in cui i topi hanno subito lo stress, oppure l’odore associato a quello stress, vengono evitati dai figli e dai nipoti. L’informazione di pericolo si trasmette in modo da influenzare palesemente il comportamento dei topi per tre generazioni. Non possiamo sapere se i pronipoti e discendenti successivi abbiano dei segnali minori che poi decidono di ignorare, ma tre generazioni non sono comunque poche.

Dunque la scienza sta lentamente riscontrando quello che molte filosofie sostengono da tempo: i nostri comportamenti e le nostre reazioni al presente, potrebbero essere influenzati da eventi accaduti in passato, non solo nella fase prenatale, dell’infanzia e dell’adolescenza, ma anche attinenti ai nostri antenati, sia con la trasmissione educativa diretta e indiretta, da una generazione all’altra, sia mediante la “memoria genetica”.
Il nostro modo di vivere le relazioni amorose, il nostro rapporto con noi stessi e con l’altro sesso, potrebbe risentire pesantemente di una risposta emotiva potenziata a causa di informazioni ereditate, di cui non siamo neanche consapevoli.
Negli ultimi cento anni il nostro Paese ha vissuto due guerre devastanti, di portata mondiale, con uccisioni, terrore, epidemie, carestie e sofferenze per noi oggi difficilmente immaginabili. Sono tragedie che hanno toccato e travolto direttamente i nostri bisnonni e nonni e che quindi si sono trasmesse ai nostri genitori ed a noi, sia con l’educazione ed il condizionamento, sia con il DNA.

La buona notizia è che ogni sofferenza può essere trasformata.

Perfino la scienza lo ipotizza. Il fisico quantistico russo Peter Gariaev ritiene che il pensiero possa interagire con il DNA, fino a controllare la sua corretta ricostruzione, anche come azione terapeutica.
Il primo indispensabile passo verso la liberazione e la trasformazione è la consapevolezza.

Le costellazioni familiari sono uno strumento potente e veloce per scoprire e far emergere le sofferenze ereditate, le emozioni non processate, i dolori negati. Tutto ciò che influenza il presente ma ha origine nel passato.

L’Accademia il Corpo e l’Anima offre costantemente sessioni di gruppo di costellazioni familiari e spirituali, dove Gloria e Maurizio apportano la loro esperienza di vita nel Tantra, con un approccio innovativo teso ad abbattere ogni idea, blocco e convinzione limitante.

Il prossimo appuntamento è a Volterra, il 28 settembre 2018, dalle ore 14 alle ore 18. I posti sono limitati. Prenotati.

Oppure contatta direttamente Gloria e Maurizio per organizzare una sessione presso uno degli studi di Roma o di Livorno.


Le Costellazioni Familiari rappresentano con una vera e propria messa in scena il sistema famiglia, tramite cui è possibile evidenziare le dinamiche inconsce che producono sofferenza in molti aspetti della vita quotidiana

CHIAMACI SENZA IMPEGNO

Gloria di Capua (328 3083753) e Maurizio Lambardi (347 5918384)
(Counselors-Life Coaches e Costellatori Familiari)

TI ASPETTIAMO CON GIOIA!

Se vuoi approfondire questi argomenti puoi seguire i nostri corsi, contattaci:

.

Nome (richiesto)

Email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Messaggio

Voglio rimanere aggiornato con le iniziative iscrivendomi alla newsletter

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *